Educare alla Bellezza

Logo di Educare alla Bellezza

Teatro

Oggi è un bel giorno - Monologo di Teatro Civile

Oggi è un bel giorno storytelling - locandina Oggi è un bel giorno storytelling - locandina

Antonio Roma, scrittore, autore e attore teatrale, porta in scena il primo capitolo del suo Oggi è un bel giorno, quello più intimo.
Indossando i panni del protagonista del suo testo - lo scrittore non ancora trentenne Ante a cui la vita ha tolto da poco anche il padre, il solo rimastogli dopo le morti della madre e del fratello Andrej durante la guerra - porta lo spettatore ad interrogarsi se sia possibile rimarginare le ferite di una guerra e ricucire il tessuto lacerato delle relazioni umane.

Durata: un'ora senza intervallo

Falene

Falene è una pièce di Teatro Civile e contemporaneo che come un equilibrista cammina su di un filo sottile. Tra monologo teatrale e concept album.
Lo spettatore che si accosterà a Falene di primo acchito penserà di essere alle prese con la storia del grande esodo giuliano dalmata del 1947. Ma in un secondo momento, con il subentrare della narrazione dovrà fare i conti con un malessere attuale e concreto: quello dei migranti che abbandonano le proprie case e si mettono in cammino con il loro bagaglio di illusioni e paure.
Falene guarda alle migrazioni in modo inedito, non con gli occhi di chi accoglie e documenta, ma di chi parte e vive il proprio esodo come un esilio.

Disponibile da novembre 2019.

16 aniMe...

16 aniMe - locandina 16 aniMe - locandina

16 aniMe... è una pièce di teatro storico e civile.
Era la fine dell’estate del 1943 in quel di Meina, graziosa cittadina del lago Maggiore, quando si consumò la prima strage di ebrei in Italia dopo l’Armistizio siglato dal Generale Badoglio. 21 ebrei vennero segregati per una settimana nella stanza 420 all’ultimo piano dell’Hotel Meina prima di incontrare tragicamente la morte. La strage dimenticata accadde sotto gli occhi innocenti dell’allora dodicenne Becky Behar, figlia del proprietario dell’albergo.
16 aniMe... è il riadattamento teatrale del 5° capitolo del romanzo L’ago Maggiore, scritto da Luca Contato.

Disponibile da gennaio 2020.

Io non mi conosco

Io non mi conosco, pièce di teatro civile e contemporaneo scritta da Antonio Roma e Leonardo Formichella, mostra uno spaccato di vita quotidiana nella Milano di oggi.
Una Milano in continua trasformazione che non si cura di chi resta indietro, troppo impegnata a raggiungere l'utopistica perfezione per accorgersi che ciò che ha alle spalle, ora, è tremendamente nostalgico. Arturo e Leonardo si scontrano con questa realtà, quotidianamente, intrappolati nelle loro speranze di giovani che abitano il resente e che cercano nel passato la strada da seguire, ma che si accorgeranno presto di come il presente che si trovano a vivere sia tremendamente diverso da quello da sempre desiderato.

Disponibile da ottobre 2019

Questo sito utilizza dei cookies per il corretto funzionamento della piattaforma. Continuando con la navigazione accetti a ricevere i cookie. Per maggiori informazioni leggi la nostra privacy policy